18 Dicembre 2017
[]

storia e borghi - La Chiesa di Montecatini
percorso: Home > storia e borghi

La Chiesa di Montecatini

La Chiesa di Montecatini intitolata a S.Biagio fu eretta intorno al 1356 sotto la guida di Ugolino Guducci e Ciullo Barletti e consacrata nel 1361. Nel 1421 la Chiesa di Gabbreto, già in via di rovina, veniva sostituita nella cura delle anime da quella di S.Biagio. Nel 1463, Gabbreto cessa di possedere il Battistero che viene trasferito alla Rettoria di S.Biagio, la quale da quel momento diviene Chiesa plebana.
Tra il 1463 e il 1467 furono costruiti il campanile e il coro che venne affrescato da un pittore senese dietro commessa di Nicola Nieri di Montecatini. Di tali affreschi rimangono solo alcune tracce dietro il postergali (in cornu epistolae).
Inizialmente la Chiesa per ragioni urbanistiche aveva la facciata rivolta a nord; allinterno, costruito da tre navate, erano posti: un rustico altare maggiore nella navata centrale a due altari per ogni navata laterale. Fra il 1514 e il 1576 per costruire la canonica fu ostruita loriginale facciata e venne aperto lattuale ingresso laterale abolendo un altare.

Ai lati dellaltare maggiore sono posti due angeli in marmo (foto a lato), chiamati "ciechini", attribuiti a Mino da Fiesole e in due nichhie sovrastanti il coro ci sono due statue di terracotta, eseguite dai Della Robbia, rappresentanti San Biagio e San Sebastiano.
Nel 1787, in seguito alla profanazione delloratorio di Camporciano, fu trasferita nellattuale sagrestia, la statua della Madonna detta di "Camporciano", che la leggenda narra essere stata rinvenuta in un campo del colle omonimo. Successivamente la Sacra Immagine venne traslata sullaltare nella navata opposta allattuale ingresso, dove tuttoggi si trova.
Recentemente sono state demolite le volte delle navate e lincannicciato pericolante della navata centrale, si è rimesso alla luce il tetto e lintera capriata e si sono intonate alle finestrelle trecentesche le finestre superiori.

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]