13 Luglio 2020
[]
storia e borghi - Sassa
percorso: Home > storia e borghi

Sassa

Suggestivo borgo medioevale (foto sotto panorama) arroccato sullo sprone di un colle, che si affaccia ad est sulla valle del torrente Sterza.
Dalla sommità del "Poggio al Pruno", sovrastante l´abitato di Sassa, ci si affaccia sul mare e si può ammirare un panorama immenso, dominante gran parte dell´Arcipelago Toscano e dai cui piedi inizia il famoso viale dei cipressi che da Bolgheri va a S.Guido, cantato dal Carducci.
Le prime note si trovano su un documento datato 1008, quando il Conte Gherardo vendette metà delle case masserizie possedute in luogo detto Sassa, nel piviere di S.Giovanni di Casale.
Nel 1208 passò sotto l´egemonia del Comune di Volterra, e forse fu allora che iniziò anche per questo borgo la lotta fra Comune e vescovo, dando poca considerazione al fatto che l´Imperatore Enrico VI, con suo diploma del 1186 avesse assegnato il castello di Sassa al Vescovo di Volterra.
Oggi il borgo presenta ancora le sue antiche strutture architettoniche, sovrastate da un massiccio torrione che forse costituiva il mastio dell´antica rocca.
La Chiesa ampliata alla fine del XVIII sec., si presenta oggi con una doppia abside, mentre la parte più antica consiste nel corpo con l´abside esterno. Attualmente ha due altari: l´altare del SS. Rosario a sinistra e l´altare maggiore rifatto nel 1963.
Degno di interesse artistico è il battistero di marmo rosato screziato, costituito da una colonnetta rettangolare su cui poggia un´altra semicolonnetta ornata da un astragalo a foglie di acanto.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account